Il SudEst

Wednesday
Oct 17th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Territorio territorio “Tutti matti per il riso”, progetto Itaca Lecce in campo contro il disagio psicologico

“Tutti matti per il riso”, progetto Itaca Lecce in campo contro il disagio psicologico

Email Stampa PDF

di LEDA CESARI*

Sabato e domenica in piazza Sant’Oronzo e Mazzini la raccolta fondi

a sostegno delle attività dell’associazione.

E a breve una linea telefonica dedicata a pazienti e famiglie

L’associazione Progetto Itaca Lecce torna in piazza sabato e domenica prossimi in occasione della campagna nazionale di solidarietà “Tutti matti per il riso”. L’evento si svolge in contemporanea in 70 piazze e in 19 città italiane (Milano, Bari, Bologna, Catanzaro, Como, Firenze, Genova, Lamezia, Lecce, Napoli, Padova, Palermo, Parma, Perugia, Rimini, Roma, Torino, Verona, Vicenza), e vede con oltre 300 volontari coinvolti e più di 10.000 kg di riso impiegati a sostegno delle attività dell’associazione, nata a Milano per operare nel campo della salute mentale.

Progetto Itaca è infatti specializzata in progetti gratuiti di informazione, prevenzione, supporto e riabilitazione rivolti a chi soffre di disagio psichico, nonché   programmi di sostegno ai familiari dei pazienti in collaborazione con il servizio pubblico e con le altre iniziative del privato sociale: obiettivo, infatti, la creazione di una rete di supporto più efficiente e con costi contenuti grazie alla valorizzazione del volontariato.

Sabato e domenica a Lecce saranno dunque presenti due stand in Piazza S. Oronzo e Piazza Mazzini, dove dalle 10 alle 20 sarà possibile incontrare i volontari, ottenere informazioni sulle attività e le iniziative in programma, sostenere le attività dell’associazione con una donazione a fronte della quale si riceverà in cambio una confezione da 1 kg di pregiato riso Carnaroli.

Nelle prossime settimane Progetto Itaca Lecce lancerà inoltre un servizio di ascolto telefonico dedicato a coloro che soffrono di depressione, ansia, psicosi, disturbi alimentari e alle famiglie di chi vive questa condizione di disagio.

*Ufficio Stampa