Il SudEst

Monday
Nov 23rd
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Territorio territorio Padre Livio Fanzaga e il coronavirus

Padre Livio Fanzaga e il coronavirus

Email Stampa PDF

di ROSA MANNETTA

L’argomento Covid è da marzo 2020 in preda a varie teorie: alcuni hanno pensato che si sia originato dai pipistrelli, dai pangolini o da manipolazioni in laboratorio. Sono state tesi elaborate, con fantasia molto spiccata. Pochi giorni fa, padre Livio Fanzaga, direttore di Radio Maria, sul Covid, ha espresso dei concetti avveniristici. Egli ha detto: “Vi dico come la penso: questa epidemia è un progetto per colpire l’Occidente. Io l’ho sempre attribuito al demonio, che agisce attraverso gli uomini e quindi, a delle menti criminali, che l’hanno realizzato con uno scopo ben preciso: creare un passaggio repentino per attuare una specie di colpo di Stato sanitario”. In una sua rubrica, ha continuato a dire: “Io vedo una umanità allo sbando...una umanità senza Dio è una umanità in balia del diavolo...il demonio agisce attraverso gli uomini. Menti criminali hanno realizzato questo progetto. Un progetto volto a fiaccare l’umanità, metterla in ginocchio, per poi instaurare una dittatura sanitaria. Creare un mondo nuovo...e poi eliminare quelli che non stanno al gioco, per realizzare questo mondo nuovo che è il mondo di Satana, dove noi saremo tutti degli zombie. Questo progetto...hanno fretta di realizzarlo, vorrebbero realizzarlo entro il 2021, a mio parere”. Questa è la descrizione del Coronavirus da parte del sacerdote. Realizzo delle interviste su queste affermazioni di padre Livio. Interviene Luca: “Io rispetto la religione. Ma penso che il diavolo non possa aver causato il virus. E non credo neppure alla storia del laboratorio cinese, dove il virus sia sfuggito...non è possibile tutto questo. E’ come se tutti noi dovremo avere paura del diavolo che con il covid, ci ha annientato. Maria incalza: “Il sacerdote ha la libertà di religione. Non è valido il suo pensiero perché nessuno voleva instaurare la dittatura sanitaria. Quale vantaggio? Perché provocare tanti morti? Ci sono migliaia di morti per il covid. Dobbiamo essere attenti a non farci influenzare da queste idee discutibili”. Carlo dice: “In questo periodo storico, la realtà viene confusa con l’irrazionalità. La religione non deve essere posta come il motivo di una pandemia. Andremo incontro ad un nuovo Medioevo. Il Medioevo del terzo millennio”. Cosa aggiungere? Le opinioni personali di padre Livio non sono valide. E’ un uomo di fede e possono essere collocate nella sua fede personale. Il resto dei credenti, non può seguire le sue posizioni. Essere credenti non significa attribuire al diavolo, la formazione della pandemia: tutto ciò confluisce nella stoltezza. Alfredo Giuliani scriveva: “Cresce la caverna...”. Siamo in una caverna?