Il SudEst

Sunday
May 28th
Dimensione carattere
  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Territorio territorio Immigrazione tra affari e cosche

Immigrazione tra affari e cosche

Email Stampa PDF

 


di ROSA MANNETTA

Nel Cara di “Sant’Anna” di Isola Capo Rizzuto, in provincia di Crotone,

le cosche vi avevano messo mano sulle attività inerenti al funzionamento dei servizi di accoglienza dello stesso centro. Sono state arrestate 68 persone. Tra le persone arrestate vi erano, il governatore della Fraternita di Misericordia e un parroco. Tutti noi siamo stati colpiti da questo intreccio-cosche-migranti. Intreccio che rende notevoli profitti a questi rappresentanti del crimine. Le somme di danaro sulla questione “accoglienza”, sono esorbitanti. Accoglienza, dei disperati dei barconi,  accoglienza che culmina in un vile mercimonio sulla vita di esseri umani. Chiedo a Maria Pia, cosa ne pensa. E davanti ad una bibita, mi racconta: “Gli interessi delle cosche sono immensi nel caso dei rifugiati. Ci sono forti interessi economici che non hanno nulla a che vedere con la solidarietà umana. Ciò che dico è orrendo. Abbiamo dimenticato che i rifugiati sono persone. Il valore sulla vita umana non esiste. E’ atroce non dare valore alla vita umana. In questi giorni, mi ha colpito anche una notizia, quella sulle affermazioni della Serracchiani, la quale, ha detto che “la violenza sessuale è peggiore se commessa da un profugo”. Queste parole sono offensive verso i profughi o i rifugiati: sono persone. Ci sono anche alcuni nostri italiani che violentano donne o bambini. Desumo un certo razzismo. Io la penso così”. Maria Pia, ha espresso idee giuste. In Europa, stiamo dimenticando cosa sia la dignità umana. I rifugiati al di là del colore della pelle e della loro provenienza, sono persone. Persone con il diritto alla vita. E se alcuni dimenticano questo valore, allora c’è tanto da fare. La strada è lunga. Mi sembra di fluire in un mare di petrolio, non in un mare limpido dove, lasciarsi cullare dalle onde. Altre polemiche, causerà la sentenza della Corte di Cassazione, secondo cui, “i migranti, devono conformarsi ai nostri valori”. Ma noi, abbiamo valori, nel nostro Paese? Domanda difficile. Domanda che non ha risposta. Emily Dickinson scriveva: “Portatemi il tramonto in una coppa...”. Riprendiamoci i valori veri!