Mettiti in comunicazione con noi

Ambiente

“Abbecedario verde”: salvare la terra partendo dalla scuola

Pubblicato

su


di ANTONELLA LUCANIE

Grazie all’educazione sostenibile si sta scoprendo che l’attuale stile di vita fondato su spreco e abbondanza, in un pianeta dalle risorse limitate, condurrà inevitabilmente alla catastrofe: cambiamenti climatici, perdita di biodiversità, fine dell’energia a basso costo, predazione delle risorse naturali, degrado ambientale, disuguaglianza sociale, obesità, diabete, asma, ecc. L’educazione sostenibile è l’unica strategia di lungo termine da promuovere nella scuola. Che il nostro Pianeta sia in pericolo è sotto l’occhio di tutti: le grandi calamità naturali, i mutamenti climatici, lo spreco delle risorse naturali sono tutti fattori che derivano da un uso scorretto di ciò che la natura di offre.
Ma perché siamo arrivati a questo non è sempre così evidente. Attraverso questo libro Abbecedario verde. Salvare la Terra partendo dalla scuola (edizioni la meridiana, collana partenze, pp. 144, Euro 15,00) l’autrice Ilaria D’Aprile offre soprattutto a docenti e formatori gli strumenti per capire quanto accade intorno a noi e spiegarlo agli studenti, per innestare percorsi didattici virtuosi che favoriscano lo sviluppo dell’educazione sostenibile.
Nella sua analisi Ilaria D’Aprile – laureata in Scienze Forestali e Ambientali con successivo master in Educazione Ambientale per la promozione di uno sviluppo sostenibile – parte da una considerazione: spesso all’interno dei percorsi scolastici si tende ad analizzare i temi ambientali solo sotto il profilo scientifico, dimenticando gli aspetti economico-sociali ad essi connessi. Invece l’autrice ci mostra le continue connessioni di causa-effetto che legano le nostre scelte di consumatori agli effetti che si ripercuotono sulla natura, proponendo quindi l’educazione sostenibile come l’unica strategia a lungo termine che, a partire dalla scuola, possa innescare quei circoli virtuosi «in grado di promuovere una forma di intelligenza ecologica che servirà a costruire comunità sostenibili». Il modello economico consumista oggi dominante impoverisce sempre più il Pianeta e contemporaneamente lo trasforma in un’enorme discarica. Se riuscissimo a introdurre modelli di produzione ciclici, ispirandoci proprio alla ciclicità dei processi naturali, potremmo
invertire questa tendenza distruttiva verso il Pianeta.
Nelle parti introduttive delle sezioni Il libro Abbecedario verde analizza i comportamenti ecologicamente scorretti e propone poi spunti metodologici nonché attività concrete che gli insegnanti possono attuare con la classe e, attraverso queste, riflettere sulle relazioni esistenti tra il nostro modo di agire e le possibili conseguenze che tale agire ha sul Pianeta. Le attività permettono di approcciarsi ai problemi ambientali in maniera multidisciplinare per poter dar vita percorsi didattici articolati. Nel testo vengono trattati i quattro temi spesso già presenti nei programmi scolastici della scuola primaria (acqua, energia, rifiuti e alimentazione) favorendo quindi l’inserimento nella didattica tradizionale. Una comunità scolastica per favorisce l’educazione sostenibile – afferma l’autrice – «è una scuola dove si pratica l’educazione ambientale non soltanto intesa come laboratorio, nel quale si acquisiscono conoscenze del sistema Natura, ma è anche una comunità di discorso, dove è possibile attivare quei processi di comunicazione orientati allo sviluppo della rete della vita». E, come chiosa la stessa Ilaria D’Aprile, «Vivere tutti meglio consumando meno deve essere il motto per costruire una nuova forma di umanità fondata sulla solidarietà e sul rispetto di tutti gli esseri viventi».

————- presentazione del libro ————-
lunedì 23 maggio, ore 20.30
eKoiné ripub
Strada Vallisa 79
(Bari centro storico, nei pressi di Piazza Ferrarese)
ingresso libero, consumazione facoltativa:

Informatico, sindacalista, appassionato di politica e sportivo