Mettiti in comunicazione con noi

Attualità

Moto3: Dupasquier non ce l’ha fatta

E’ morto il pilota 19 enne svizzero in seguito all’incidente durante le qualifiche nel gran premio d’Italia

Pubblicato

su

DI FABRIZIO RESTA

Credit foto Profilo Instagram Dupasquier

Tragedia nel mondo dei motori. Proprio nelle ultime battute delle qualifiche per il gran premio d’Italia, il giovane pilota svizzero Dupasquier ha perso il controllo nella curva Arrabbiata2, curva in salita a destra da percorrere a circa 120/130 km/h, la cui uscita è cieca. E’ caduto ed è stato investito prima dalla sua stessa moto sul casco e sul torace sia dallo spagnolo Alcoba alle gambe e poi dal giapponese Sasaki.

Dupasquier ha perso conoscenza immediatamente ed i tentativi di rianimarlo non hanno avuto esito. Il pilota è stato subito trasportato all’ospedale Careggi di Firenze dove è stato operato in nottata. Le condizioni sono apparse subito disperate sia per le lesioni al torace ma soprattutto per un edema al cervello che ha compromesso le funzioni neurologiche del giovane. A dare la notizia del decesso ci ha pensato l’account ufficiale Twitter della MotoGP: “Ci mancherai moltissimo, guida in pace”.

Jason Dupasquier ha cominciato sin dalla tenera età di 5 anni, correndo in moto sullo sterrato per poi passare alle corse su strada. Si era messo in mostra vincendo parecchi titoli nazionali in Svizzera di Supermoto ed adveva esordito al Mondiale Moto3 nel 2020. Il miglior piazzamento era stato il settimo posto al GP di Spagna a Jerez.

Prima della gara della MotoGP, esattamente alle 13:45, c’è stato un minuto di silenzio per la scomparsa del giovane svizzero.

Informatico, sindacalista, appassionato di politica e sportivo