Mettiti in comunicazione con noi

Cultura

MAURIZIO EVANGELISTA CI RACCONTA “MR.ME”

Il poeta e scrittore biscegliese Maurizio Evangelista ci racconta il suo nuovo libro dal titolo “Mr.me” edito da Arcipelago Itaca.

Pubblicato

su

di Maria del Rosso

Evangelista è uno degli scrittori più affermati nel panorama letterario e poetico pugliese. È  conosciuto al grande pubblico per essere organizzatore e direttore artistico dal 2010, con Teodora Mastrototaro dell’ evento più atteso dagli amanti della poesia, la  Notte Bianca della Poesia al Dolmen.

La penna di Evangelista  è sensibile e attenta alle sfumature dell’ animo umano in cui ogni lettore che si accinge a leggere i suoi componimenti poetici ci si può riconoscere con il proprio vissuto e con le proprie emozioni.   

Il lettore viene condotto dal poeta in un viaggio  poetico  che potremo definirlo catartico, caratterizzato da immagini e da parole che toccano le corde dell’ anima, è una vera e propria ricerca nell’ interiorità del nostro ‘io’ più profondo.

È un libro che rappresenta maggiormente la maturità poetica di Maurizio, è il frutto di un lungo percorso di studio, di ricerca e di passione che lo ha portato a raggiungere grandi risultati e riconoscimenti dal pubblico.

Lo scrittore vanta un curriculum brillante e ricco di esperienze che lo hanno fortemente plasmato nella sua arte poetica. Dopo la laurea in Scienze Politiche ha pubblicato le raccolte poetiche “Suonatore di corno” (La Vallisa, 2010) l’opera bilingue “La città inventata” (Secop edizioni, 2015) premio della critica;Vrdnicke Venac Vile a Sremski Karlovci in Serbia, e “Mr.me” (Arcipelago Itaca, 2022) con il quale è risultato vincitore della VII ed. del Premio naz.le editoriale di poesia indetto dalla casa editrice nel 2021.

Il poeta Evangelista ha pubblicato in diverse antologie in Italia e all’ estero, tradotto in inglese,spagnolo, russo, polacco, serbo-croato e albanese.

Nel 2017 ha partecipato alla XVII edizione della Giornata Mondiale della Poesia di Varsavia su invito del poeta Aleksander Navorski, ed è stato tra gli ospiti della XI edizione del Trireme della Poesia Ionica a Saranda in Albania, su invito del poeta Agim Mato.

Evangelista è  anche autore di racconti per ragazzi pubblicati nei libri; Gli animali e noi (Ed. Adda – Scritture Meridiane Per Ragazzi, 2013) ,So dire di no (Ed. Adda – Scritture Meridiane Per Ragazzi, 2015), La rosa di Damasco; (Ed. Adda – Scritture Meridiane Per Ragazzi, 2016) e “Racconti di pace contro ogni guerra” (Ed. Adda – Scritture Meridiane Per Ragazzi, 2022) a cura del prof. Daniele Giancane.

Maurizio, “Mr.me” a chi è ispirato?

“Mr. me è una fotocamera puntata sull’uomo. Sono io e al tempo stesso è ognuno di voi. E’ l’identità e il suo rovescio, l’esperienza ordinaria, quella abituale, non necessariamente la più vera, la più rappresentativa di ciò che siamo. Questo libro è una visione totale sull’esistenza partendo però da una specie di periferia urbana, in cui si sperimenta una forma di convivenza forzata. Mi sono ritrovato a pensare a come tutti gli abitanti di questo luogo reale, eppure inventato, fossero coinvolti tra loro, di come fosse possibile riconoscersi con l’occhio di qualcun altro e in qualcun altro. E’ in qualche modo il mio tentativo di disidentificazione, della percezione che ognuno possa avere di sé.”

 Tre aggettivi per descrivere il tuo libro.

“Intimo, libero, cinematografico.”

 Il libro si snoda tra le stanze d’ albergo. Come le definiresti e cosa ti rappresentano?

“Le stanze sono luoghi reali o simbolici; là dove la poesia fissa l’ attenzione su alcuni ospiti che frequentano tali posti, il lettore è chiamato a conquistare un’ intimità con ognuno di loro e al tempo stesso una libertà di ‘attimi’ accuratamente scelti. È il concetto di ‘esistere’ in quella ‘camera’ che è la vita di tanti, ma che diventa tua in un tempo limitato, quello della stanza d’albergo, appunto, che si dovrà lasciare, prima o poi. Una precarietà in cui tutto è trovare, perdere, spostare da sé all’altro e poi ancora dall’altro a sé, sperimentando il tempo, l’assenza, una vita intera o solo un attimo, il ricordo di ciò che resta.”

 Un motivo per leggere “Mr.me”.

“Mr. me è un viaggio intimo ma non in solitaria, è la voce della poesia che vuole essere ascoltata, accolta, che non offre insegnamenti, non si esaurisce nei sentimenti, ma invoca rapporti, oltre il tempo e il luogo. La poesia è uno strumento di divulgazione importantissimo oggi, perché è l’immaginabile nel reale, l’opportunità nel sogno, la consapevolezza di una possibile strada alternativa da percorre. Credo nella forza comunicativa della poesia e di questo libro e spero di raggiungere quanti più lettori possibili.”

Un consiglio per le nuove generazioni che desiderano diventare futuri poeti e scrittori.

“Scrivere è affidarsi, imparare (tanto) dai buoni maestri. Ed essere onesti con se stessi (ne vale la pena) scrivendo quello che si conosce, che si vive. L’autenticità premia lo scrittore.”

©Riproduzione riservata

Credit ph. di M. Evangelista

Classe '91, sono nata in Puglia. Coltivo da molti anni la mia passione per la scrittura, ho collaborato con diverse testate giornalistiche e partecipo agli eventi di poesia. Per me la scrittura è vita, è sogno, è amore, è linfa vitale. E come afferma Luca Doveri : "La scrittura apre le finestre che si affacciano sull' anima del lettore".