Mettiti in comunicazione con noi

muay thay

Marvin Vettori non ce la fa, Israel Adesanya difende il titolo

MMA: l’italiano ce la mette tutta ma il campione si dimostra troppo superiore

Pubblicato

su

DI FABRIZIO RESTA

Credit foto: profilo Instagram

Non ce l’ha fatta il Superman italiano Marvin Vettori. Cuore e resistenza non hanno tradito ma l’avversario era troppo superiore. Il titolo iridato Ufc dei pesi medi resta in Nuova Zelanda in un incontro dove la vittoria di Israel non è mai stata in discussione. Marvin dal canto suo, al netto della ovvia delusione per la sconfitta, esce a testa alta perdendo ai punti contro un avversario che lo ha nettamente sovrastato. E’ finita con una vittoria netta del campione (50-45, 50-45, 50-45) ma altri grandi campioni contro Adesanya non sono riusciti a restare in piedi.

Marvin, lo ricordiamo, è uno specialista della lotta a terra e per tutto il match ha provato a portare l’avversario sul suo “terreno naturale” ma il neozelandese è stato troppo agile e sfuggiva come un’anguilla. Incredibile come Adesanya sia riuscito a difendersi ai tentativi di take-down da parte di Vettori e a reagire con i suoi low kick, i colpi che hanno fatto la differenza durante l’incontro. A dire il vero la grande occasione Marvin è riuscita a crearsela: al terzo round ha bloccato la schiena dell’avversario e ha provato una presa al collo ma il nigeriano naturalizzato neozelandese si è liberato facilmente. E’ difficile portare a terra Israel, ma ancora più difficile è tenerlo. E Quando ci si impegna al limite delle proprie forze mentre l’avversario sembrava addirittura non fare sul serio è devastante dal punto di vista psicologico ma Marvin ha retto sino alla fine. Adesanya invece, puntava alla gamba destra dell’italiano, per impedirne la mobilità; strategia che ha usato anche in passato, e che si è rilevata vincente. Alla fine dell’incontro la gamba destra di Vettori era diventata viola per i colpi ricevuti.

E’ vero che la differenza tra i due è stata abissale ma ricordiamo che Adesanya è uno che sta letteralmente dominando la divisione, uno che ha distrutto gente come Whittaker e Costa. Izzy ha totalmente spazzato via la competizione nei medi e porta con se doti tecniche e fisiche da predestinato. Potrà rimanere dominatore per anni se vuole, è, insieme a Usman, il lottatore più dominante nell’attuale roster UFC e, tutto questo, combattendo in UFC solo da 3 anni. Adesso c’è Whittaker all’orizzonte (che ha già battuto in passato) ma sarà veramente difficile, se non impossibile, anche per il fenomenale Bobby Knuckles. I pesi medi hanno un padrone e, piaccia o meno, il suo nome è Israel Adesanya.

Marvin ha ancora 27 anni, non tutto è perduto, avrà ancora possibilità nel futuro. Personalmente penso debba fare un match con Darren Till visti i trascorsi, per poi provare ad imporsi tra i top e chissà sul lungo rivedere la chance titolata. Per ora ha già fatto la storia essendo il primo italiano a combattere per la cintura.

Informatico, sindacalista, appassionato di politica e sportivo