Mettiti in comunicazione con noi

Calcio

Michele Carella: “Non sarà facile ma lo vinceremo questo campionato”

Intervista a Michele Carella, allenatore dell’Asd Bitritto Norba

Pubblicato

su

DI FABRIZIO RESTA

Credit foto: per gentile concessione di Michele Carella

1-E’ stato deciso lo slittamento dei calendari di tutti i Campionati Regionali e Provinciali di Calcio a 11 e di Calcio a 5, maschili e femminili causa covid 19. Perchè solo i dilettanti?

Si è stato scelto di slittare per tutelare tutti i tesserati e tutti gli adetti ai lavori. Ritengo che sia stata comunque una scelta giusta. Nei dilettanti purtroppo ci sono pochi controlli perchè dal punto di vista economico ci sono difficoltà. Quindi secondo me è stata fatta una scelta giustissima, con la speranza che una volta che riparta, possa comunque concludersi.

2-Come state affrontando la sosta forzata sia dal punto di vista psicologico ma anche atletico?

Noi abbiamo scelto come società di fermarci, probabilmente siamo state una delle prime a farlo, il 28 dicembre, avendo in rosa 3 ragazzi positivi e abbiamo dato,tramite il nostro preparatore atletico, un programma personalizzato e monitorato sempre dal suddetto preparatore. Quindi loro si sono allenati autonomamente a casa per quattro volte la settimana. Quindi, in linea di massima, li abbiamo comunque controllati, seppur a distanza. Dal punto di vista psicologico, loro chiaramente non vedevano l’ora di ripartire. Noi abbiamo ripreso martedi scorso a fre gli allenamenti e li ho trovati anche in buone condizioni.

3-Parliamo di calcio giocato: siete al terzo posto ma venite dalla sconfitta con l’ Arboris Belli 1979 dopo nove risultati utili di fila. La sosta può essere un handicap o è stata propizia per far rifiatare i giocatori?

Si la sconfitta di Alberobello è stata una bella mazzata perchè, sinceramente per come è andata la partita, soprattutto nel primo tempo quando abbiamo avuto quattro clamorose occasioni, due di Strippoli, una di Lanve e uno di Modesto insommsa non pensavo sinceramente di andare a perdere, perchè loro alla prima occasione, anzi alla prima mischia, con un mezzo autorete sono andati in vantaggio. Poi sono stati bravi con una ripartenza a chiudere il risultato sul 2-0. Abbiamo riaperto la partita però la freenesia di voler pareggiare ci h fatto creare tanta confusione. Sinceramente non mi preoccupa la distanza dal Polignano e dall’Alberobello. Noi siamo una squadra forte, siamo una squadra con una società alle spalle pronta anche ad intervenire sul mercato quindi siamo pronti per ripartire.

4-Il 30 gennaio si riparte contro lo Sporting Apricena. Quale sarà la chiave per vincere l’incontro?

L’Apricena la incontreremo il 30 gennaio e leggo sui social che si sono comunque rinforzati. Io devo guardare la mia squadra, devo migliorare in queste due settimane perchè purtroppo stiamo avendo poco tempo per lavorare insieme però andremo, soprattutto in casa, con la forza e l’umiltà che ci contraddistingue per vincere questa partita e cercare di rosicchiare qualche punto alle prime due.

5-State operando sul mercato per rinforzarvi. Avete acquistato Giacomo Lavopa, dalla Primavera del Bari che vanta alcune presenze nella rappresentativa nazionale under 16. Prima ancora il classe 1996 Antony Guglielmi, per diverse stagioni nel campionato d’Eccellenza. Avete altri obiettivi di mercato?

Si abbiamo preso un giovane valido dal Beretti Bari. Abbiamo tanti giovani interessanti come Carella, come Gagliardi, come i due portieri,Loschiavo, Cipriani, Martinelli, Traversa, Ranocchio che è un ottimo centrocampista. Non so se andremo sul mercato…io non chiedo giocatori in questo momento perchè abbiamo una rosa ampia. Poi se dovesse capitare l’occasione giusta, soprattutto in avanti, bene ma deve prendere un gioctore che deve venire a fare la differenza perchè altrimenti continuo con questi che sono più che sufficienti.

6-Quanto sarà difficile ottenere la promozione? quale sarà il più grande ostacolo per ottenerla?

Eh insomma è aperto, siamo a 5 punti dal Polignano ma tra qualche domenica il Polignano verrà da noi, come verrà da noi il Foggia, Spinazzola ed Acquaviva. Quindi ce la giochiamo. Sappiamo che c’è una differenza importante. Abbiamo a disposizione 33 punti su 11 partite. ce la giochiamo con entusiasmo. Sappiamo di essere la squadra favorita e di essere leggermente in ritardo e per questo già da domenica con l’Apricena dobbiamo iniziare a spingere e cercare di vincerle tutte. Ripeto, non sarà semplice, perché questo è un campionato livellato a differenza dell’anno scorso, però ci proviamo e sono convinto che lo vinceremo questo campionato.

RIPRODUZIONE RISERVATA ©

Informatico, sindacalista, appassionato di politica e sportivo