Mettiti in comunicazione con noi

Calcio

Futsal: Aurora Gerardi:”Tampa è un arma in più ma è un bel campionato equilibrato”

Futsal Serie A femminile: Il Francavilla difende il primato in classifica espugnando anche Roma. Ne parliamo con Aurora Gerardi che a Roma ha ritrovato il gol.

Pubblicato

su

DI FABRIZIO RESTA

Credit foto: Antonio D’Avanzo

Prima di tutto grazie per aver accettato la nostra intervista. Aurora, quest’anno siete partite fortissime: 6 vittorie e un pareggio in 7 gare.  Primi in classifica, Tampa prima nella classifica marcatori con 17 gol in 7 gare. Te l’aspettavi questo avvio di stagione?

Ci aspettavamo sicuramente di essere tra le prime considerando che questo nuovo gruppo si è amalgamato molto bene e certamente avendo una Tampa in grande spolvero aiuta molto. Questo primo posto ripaga tutti i nostri sacrifici durante gli allenamenti e cercheremo di difenderlo a tutti i costi.

Con la Lazio però non è stata una passeggiata. All’inizio la difesa romana vi ha dato molti grattacapi

Sapevamo che era una partita difficile e ci siamo preparati al meglio studiando molto l’avversario..ci siamo fatte trovare molto organizzate in qualsiasi momento, sapendo che probabilmente sarebbe stata una partita a scacchi. L’unica cosa che è mancata rispetto al solito forse è stato un po’ il possesso palla ma credo che la partita non sia mai stata in discussione..

Poi ci ha pensato la “solita” Tampa, sempre più leader di questa squadra

Avere in questo momento una Tampa cosi, in squadra, è un arma in più, come si suol dire “palla a Tampa e ci abbracciamo” ma la vera forza di questo gruppo è il gruppo stesso.

Anche tu comunque non scherzi: appena entrata in campo hai fatto un gol

Sono molto contenta di essermi sbloccata e aver fatto il mio primo goal stagionale in una gara così ostica e in un momento della partita importante.

Unico “quasi-neo” stagionale, la tendenza di allentare la tensione. Con il Molfetta, con il risultato ormai in cassaforte, avete quasi rischiato la rimonta. 

Ogni partita miglioriamo sempre di più in certi aspetti, certamente è un nostro cruccio allentare un po’ la tensione soprattutto verso fine gara. Stiamo lavorando molto anche su questo aspetto e già i risultati si iniziano a vedere rispetto ad inizio campionato.

Le prime cinque sono divise da appena tre punti.  E’ sicuramente un campionato molto equilibrato questo ma chi temete di più?

Rispetto ad altri anni credo che sia davvero un bel campionato equilibrato, non credo ci siano squadre da temere di più o di meno,ognuna ha la sua forza e la sua prerogativa, alla fine se vuoi vincere devi batterle tutte. Quello che temiamo di più forse siamo proprio noi stesse e proprio i nostri cali di tensione,ma sono molto positiva che ci faremo trovare pronte in ogni situazione.

L’ 11 gennaio avrete il big match in casa della Falconara, il 25 gennaio, nei  quarti di finale della Coppa Italia, affronterete ” el clasico” con il Bitonto. Cosa bisogna fare per fare risultato in entrambe le gare?

Bisogna continuare su questa scia, apprendere dagli errori, immagazzinarli per cercare di non commetterli più. Lavoro, dedizione e sacrificio sono i punti di forza.

Chiudi gli occhi ed immagina di essere già a fine stagione: cosa immagini di aver vinto?

Se chiudo gli occhi ad oggi immagino di aver vinto momenti di felicità con questo fantastico gruppo che mai fino ad ora c’è stato. 

RIPRODUZIONE RISERVATA © 

Informatico, sindacalista, appassionato di politica e sportivo